mercoledì 4 settembre 2013

Intervista con Davey Havok (Kerrang!)



Kerrang! nel numero di questa settimana (in Italia uscirà la settimana prossima) ha intervistato Davey. Ecco la traduzione dell'articolo:

" VA TUTTO BENE CON...DAVEY HAVOK?

Il frontman degli AFI rivela il dolore personale celato dietro il nuovo album della band.
Davey Havok ci ha rivelato di aver sofferto di un crollo nervoso mentre scriveva il nuovo album degli AFI, che distanzia l'ultimo di quattro anni.
<<Gli ultimi due anni non sono stati molto divertenti per me>> ammette << Questo è un CD onesto in un modo imbarazzante, orribilmente solipsistico e parla del mio collasso emotivo, del mio panico e della mia ansia. Pensavo di essere diventato più forte con l'età ma non sapevo ancora quando potessi cadere a pezzi>>.
Registrato a Hollywood agli Eastwest Studios a Sunset Strip con il produttore Gil Norton (Foo Fighters, You Me At Six), Burials ritrova il quartetto californiano in forma tipicamente ardente e con un cuore consumato.
Il cantante confessa: <<C'erano così tante cose che mi stavano succedendo che avrei potuto riempire volumi e volumi di parole>>.
Nonostante Burials veda il ritorno degli AFI nello studio dove avevano registrato il loro classico del 2003, Sing The Sorrow, non sono tornati né al vecchio sound né al vecchio spirito.
Infatti, sebbene il quartetto quest'anno faccia il 22esimo anniversario, non ha intenzione di guardarsi indietro.
<<I nostri fans sanno che noi non scriviamo sempre in continuazione gli stessi album>> dice Davey con orgoglio.
<< E' tutto quello che ho sempre fatto e l'unica cosa che so. Vivo in uno strano stato di sviluppo arrestato, come dentro una bolla, avendo fatto questo da quando avevo 15 anni. Sono molto grato che abbiamo potuto continuare a fare quello che abbiamo iniziato a fare da ragazzini, grazie al nostro amore per la musica, e mi sento come se lo stessimo facendo ancora per la stessa ragione>>.

Nessun commento:

Posta un commento

Tweets di @AFIitalia